blog  
 
 
memoria
24/01/2011 | 08:15 | Stampa

Controradio lunedì 24 gennaio ore 8,15

Il 27 gennaio del 1945 è il giorno della liberazione e della chiusura del campo di concentramento di Auschwitz. Quest’anno ricorre il 66° anniversario.

Il 27 gennaio di ogni anno è la Giornata della Memoria che quest’anno l’ONU ha dedicato alle donne: a quelle che hanno vissuto l’Olocausto e a quelle che, ancora oggi, in molte parti del mondo, sono costrette a una vita di sofferenze, oppressione e violenze.

Tutti gli incontri pisani dedicati alla memoria delle vittime del nazismo sono stati patrocinati e realizzati grazie alla collaborazione fra il Comune e la Provincia, la Prefettura, le sezioni dell’ANED e dell’ANPI, la Comunità Ebraica e gli istituti comprensivi della città.

Fra le iniziative importanti dei prossimi giorni ricordiamo che proprio il 27 gennaio ci sarà la deposizione di una corona commemorativa a Casa Roques. Proprio il 1° agosto del ’44, mentre Pisa era divisa in due dal fronte, il Presidente della Comunità ebraica Giuseppe Pardo Roques fu massacrato da un gruppo di soldati tedeschi nella sua abitazione di via Sant’Andrea 22, assieme ad altre dieci persone, casualmente presenti nel momento dell’irruzione. Fu un evento simbolo della persecuzione e del clima di quegli anni, che ogni anno abbiamo il dovere di ricordare.

Di notevole interesse anche l’appuntamento del 31 gennaio, in Comune, alle ore 17,00 con un dibattito sull’attualità del ricordo di Anna Frank e del valore simbolico del suo Diario. Interverranno, fra gli altri, Maria Teresa Brancaccio della fondazione Anna Frank di Amsterdam, Matteo Caponi della Scuola Normale Superiore, e Giorgio Vecchiani, Presidente dell’ANPI di Pisa.

Non solo il 27 gennaio, ogni giorno manteniamo viva la memoria.

Commenti
25/01/2011 | 11:32
Boris ha scritto:
per difendere lo spazio pacificamente appuntamento alle 7.30

25/01/2011 | 11:32
Boris ha scritto:
il 27 gennaio 2011 sgomberano Rebeldia

24/01/2011 | 18:48
Marcello Buiatti ha scritto:
Il 27 sono a Coaenza a parlare in un Convegno sulla Memoria ma il 31 verrò in Comune. Io sono uno dei fortunati perché da piccino sono stato nascosto in una casa in via Guelfa a Firenze dall'otto Settembre alla liberazione ma,a differenza di tanti bambini ebrei come Anna Frank mi sono salvato. Magari vi racconto qualche impressione di un bambino di sei anni

24/01/2011 | 17:50
Piero Nissim ha scritto:
Segnalo anche il mio Concerto con presentazione dal vivo del mio nuovo CD: "Bialik e gli altri. La poesia ebraica come testimone". Al Museo Piaggio di Pontedera (Via Rinaldo Piaggio 7)il 27 gennaio alle ore 21,15. Ingresso libero.