blog  
 
 
Viva le primarie!!!
14/02/2011 | 08:15 | Stampa

Controradio lunedì 16 febbraio ore 8,15

Il popolo del centrosinistra ha scelto: a Cascina il candidato sindaco sarà Alessio Antonelli che ha vinto le primarie di domenica scorsa con il 44% pari a oltre 2.000 preferenze.
Hanno votato in tanti: più di 5.600 cittadini e cittadine. Gli altri risultati: Paolo Cipolli ha ottenuto il 38% e Giorgio Catelani il 18.

Negli scorsi tre mesi, tre candidati si sono contesi la leadership della coalizione in vista delle elezioni amministrative. Due ex-essessori della giunta guidata da Moreno Franceschini e il coordinatore comunale cascinese di Sinistra Ecologia Libertà, Giorgio Catelani. Alessio Antonelli del Pd ha ricoperto per anni la delega dell’urbanistica, mentre Paolo Cipolli quella dello sport. Entrambi esponenti del Pd, il primo è di provenienza ex-ds e di area bersaniana, il secondo è vicino al vicesegretario del partito Enrico Letta. Catelani, invece, fa il docente universitario alla Facoltà di Agraria e, per molti anni, è stato dirigente del Pci fino al suo scioglimento.

E domenica si è votato anche nel Comune di Lari. In lizza due candidati del Pd: al venticinquenne Mirko Terreni, praticante in uno studio legale e assessore uscente al bilancio, si è contrapposto Dino Martelli, imprenditore e presidente della locale Misericordia. Ha prevalso il giovane Terreni con il 67%.

A primavera, nella provincia di Pisa, si voterà anche nei comuni di Santa Luce, Buti e Vecchiano. E proprio a Vecchiano sarà l’ex-sindaco, e attuale Presidente del Parco di San Rossore-Migliarino-Massaciuccoli, Giancarlo Lunardi a dover mettere insieme una coalizione di centrosinistra che, al momento, potrebbe contare su Pd, Idv, Sel e Prc.

Nonostante la pioggia battente, è stata una giornata all’insegna della partecipazione. Le primarie si dimostrano uno strumento utile e positivo. Una modesta proposta: perché non le organizziamo anche per il futuro candidato premier del centrosinistra e per la selezione delle e dei parlamentari delle forze politiche?

Commenti
17/02/2011 | 10:42
grazia ha scritto:
credo che le primarie, adeguatamente regolamentate, siano uno dei pochi strumenti a disposizione della politica italiana, sia locale che nazionale, per ricucire la divisione tra società e politica militante. sono favorevole all'uso delle primarie non solo per le carice monocratiche di partito o di coalizione ma soprattutto per la scelta territoriale dei parlamentari. sul commento di franco sono daccordo, chi fa politica deve venire dal mondo del lavoro, della società e soprattutto tornarci alla fine del suo mandato senza ammuffire sulla "poltrona" che diventa un fine in sè e non un mezzo per fare politica . grazia

17/02/2011 | 08:03
paolo ha scritto:
Si, viva le primarie, certamente, anche se non sono davvero la panacea per resuscitare una sinistra (un centro-sinistra) senza idee. Nichi Vendola è l'UNICO ad avere una posizione veramente razionale e politicamente adeguata; la sua proposta di candidare Rosy Bindi alla guida della grande coalizione è l'unica via di uscita da questa melma. E mi piace parecchio.

14/02/2011 | 17:00
FRANCO ha scritto:
QUANDO ERANO ALTRI I VALORI CHE ALBERGAVANO NELLA SINISTRA NON C'ERA BISOGNO DI PRIMARIE PER SCEGLIERE DEI DIRIGENTI CAPACI, VA BENE LE PRIMARIE MA è NECESSARIO CHE UNA PERSONA CHE VUOLE AVERE UN RUOLO PUBBLICO SI MISURI QUOTIDIANAMENTE CON LA REALTA IO DIFFIDO DA COLORO CHE NON SI SONO MAI MISURATI POLITICAMENTE CON LA SOCIETA ( POLITICA NEL SENSO ALTO DEL TERMINE) POSSANO ESSERE ANCHE BUONI AMMINISTRATORI.... DISPPONIBILE A DISCUTERE C