blog  
 
 
ragazzo
10/07/2011 | 22:54 | Stampa

Festa di fine anno alla Scuola Normale Superiore di Pisa. Piazza dei Cavalieri e dintorni. Questa non è una notizia, come non è la notizia “l’assedio notturno” da parte di studenti e studentesse al comando provinciale dell’Arma dei Carabinieri. E non è nemmeno una notizia che un gruppo di giovani cerchi di entrare alla festa (privata).

È una notizia, invece, una rissa fra giovani e forze dell’ordine; ed è una notizia che un giovane abbia subito da parte dei carabinieri lesioni gravi, che sia tuttora trattenuto in carcere (e che non abbia visto subito gli avvocati). Il referto parla chiaro: un trauma cranico, un trauma contusivo ed escoriazioni ai polsi dovuti, probabilmente, al parapiglia scoppiato al momento di mettergli le manette. Una ferita sotto il mento. I medici lo hanno giudicato guaribile in una settimana.

Il giovane, arrestato con l’accusa di resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale, venticinquenne, dottorando in fisica, è stato già trasferito nel carcere Don Bosco e domani (lunedì) si celebrerà l’udienza di convalida dell’arresto. I fatti, nella ricostruzione di RepubblicaFirenze: «due pattuglie di carabinieri sono intervenute nei pressi della Scuola Normale su esplicita richiesta della vigilanza interna per fronteggiare un gruppo di giovani che voleva entrare ad ogni costo pur senza averne titolo. In questo frangente i militari hanno chiesto ai presenti di mostrare i documenti, uno di loro, il normalista appunto, si è però rifiutato e da qui è scattato il fermo e il trasferimento in caserma».

Il Sindaco di Pisa ha dichiarato:  «La città chiede che sia accertato se sono stati compiuti reati e che questi siano perseguiti. Non si possono subire prepotenze e non devono esistere zone franche dove non si rispetti il lavoro delle forze dell’ordine e non si tutelino regole fondamentali di convivenza garantite come diritto per tutti i cittadini dalle leggi e dai regolamenti comunali». Mi chiedo: i reati di chi? Come si fa a non vedere, a non capire, a non sentire che c’è un ragazzo picchiato, picchiato e preso. Portato via. Perché? Perché voleva capire e chiedeva perché una dozzina di persone, che non erano in lista a una festa privata, volevano entrare? E si picchia a freddo seguendo la legge del taglione? Si arresta? Occhio per occhio, dente per dente? No, questa è una Pisa brutta, che fa paura e fomenta la paura. Non la riconosco, non mi appartiene.

Dalle istituzioni serve comprensione, non negazione. Il comportamento dei militari è inaccettabile. Le parole del Sindaco gravi e sbagliate.

Non mi voglio vergognare della mia città, perché non si tratta di “tollerare”, si tratta di cambiare. Ora o mai più.

Commenti
12/07/2011 | 10:54
Sergio Leone ha scritto:
guardate il mio film http://subvertising.noblogs.org/files/2011/07/sceriffeschi.gif

12/07/2011 | 09:02
Terapia ha scritto:
ripete con me: Filippeschi non è il mio sindaco

11/07/2011 | 21:44
klaus ha scritto:
concordi in pieno......Inaccettabile questa situazione e gravissime le dichiarazioni del sindaco degne di un uomo ( se cosi' si puo' chiamare )politico un estremissima destra!

11/07/2011 | 21:43
klaus ha scritto:
concordi in pieno......Inaccettabile questa situazione e gravissime le dichiarazione del sindaco degne di un estremissima destra!

11/07/2011 | 09:16
Detto Massi. ha scritto:
Il Sindaco dice parole agghiaccianti e accende il fuoco dell'intolleranza, invece di moderare i toni e rassicurare. Non è il Sindaco di tutti se non corregge velocemente quanto affermato a caldo. Ne prendiamo atto.

11/07/2011 | 07:58
paolo ha scritto:
Un paese triste, vicino allo sfacelo economico e politico, dove il potere si accanisce con la sua parte più bella e fantasiosa. Il Sindaco mette bocca dove non deve e invece di proteggere i suoi cittadini (quelli si di sua competenza) si schiera elettoralmente a difesa di non si sa cosa. Ho letto della notizia ieri sera, mi sono venuti i brividi. Dove finiremo? Allo sfacelo, ovvio.

10/07/2011 | 23:30
Von trotta ha scritto:
Gia', che città triste...