blog  
 
 
Bombe 1943-2013
27/08/2013 | 14:06 | Stampa

Volti, suoni, immagini d'epoca: al Cinema Teatro Lux rivive il primo bombardamento

Nel giorno del 70 anniversario del primo bombardamento della città di Pisa, il 31 agosto 1943, al cinema teatro Lux, alle 21, in scena ci sarà la memoria. Impresa non facile che sarà possibile grazie a "Bombe 1943-2013", il progetto di video-arte creato da Lorenzo Garzella (premiato regista pisano de Il Mundial dimenticato) e Domenico Zazzara, con l'Acquario della Memoria e sostenuto dal Comune di Pisa.

Un contenitore di immagini, parole, foto: i fatti seguono l'ordine cronologico ma la trama resta sfilacciata, i colori si sovrappongono e i suoni si confondono. «E' una forma diimmersione emotiva nel racconto» afferma Zazzara, nel tentativo di descrivere quello che si provadavanti a (e dentro) questa video-installazione. Non chiamatelo documentario dunque. Quattro proiettori trasmettono in simultanea su quattro grandi schermi, ma subito le immagini si moltiplicano e gli schermi diventano sei, mentre il racconto dei fatti tremendi di quel giorno va avanti, sottolineato da un commento musicale che avvolge lo spettatore. Guarda il video dell'anteprima

«Abbiamo iniziato a lavorare a questo progetto nel 2008 e l'ultima intervista è di tre settimane fa - ci spiega Garzella - per noi questo lavoro è molto importante perché è un punto di partenza. Da tempo ho in mente un grande progetto sulla memoria e finalmente prende vita». Pur avendo grande affinità con la forma del documentario per "Bombe 1943-2013" Garzella si è spinto oltre «era il momento di superare il racconto tradizionale e creare qualcosa che restituisse il senso di frammentarietà e accumulo della memoria e per farlo abbiamo lavorato come artigiani, con acqua e colori, tutto pur di restituire la fluidità dei ricordi».

«Sono felice che l’amministrazione comunale abbia sostenuto il progetto anche economicamente attraverso il Bando Cultura - ha commentato l'assessore alla cultura Dario Danti - qui ci sono alcuni dei migliori talenti artistici pisani impegnati nella divulgazione di un episodio che, nella sua tragicità, è e rimarràcentrale nella storia contemporanea della nostra città, di cui però si rischia di perdere le tracce: è uno di qui connubi che ci piacerebbe rafforzare ulteriormente».

La serata del 31 agosto inizierà alle 19, quando le porte del Lux e del suo ritrovato giardino si apriranno per l'aperitivoAlle 21, dopo i saluti di rito, avrà il via l'istallazione: ogni proiezione durerà 30 minuti circa e ci sarà posto per 50 persone. Le altre potranno aspettare nel giardino del Lux la proiezione successiva. «Andremo avanti finché ci sarà gente - assicura Garzella - e spero che arrivino in molti».

Graziana Maggi

Pisa, 27 agosto 2013 - Il comunicato dell'amministrazione comunale - «Coltivare la memoria vuol dire anche ricercare continuamente nuovi strumenti, percorsi e modalità di raccontarla e tramandarla alle nuove generazioni e “Bombe 1943”, la videoinstallazione dedicata al tragico bombardamento di settanta anni fa, che sconvolse la città, coglie pienamente questa necessità, grazie soprattutto alle doti artistiche degli autori».

Non ha dubbi l’Assessore comunale alla Cultura Dario Danti: «Sono felice che l’amministrazione comunale abbia sostenuto la videoinstallazione di Garzella e Zazzarra, anche con un piccolo contributo economico di due mila euro erogato  attraverso il Bando Cultura,  per almeno due motivi – ha spiegato -: in primo luogo, ovviamente, perché la tragedia del 31 agosto ’43 è, e deve continuare a rimanere, parte integrante della memoria collettiva della nostra città e la videoinstallazione che sarà presentata per la prima volta al Cinema teatro Lux proprio sabato sera, a settanta anni esatti dal bombardamento, risponde perfettamente a questa necessità. E poi perché è stata realizzata da autori pisani di grande talento quali Lorenzo Garzella, i cui lavori, a cominciare dal “mokumentary” “Il mundial dimenticato”, hanno avuto importanti riconoscimenti e apprezzamento a livello nazionale e internazionale, Domenico Zazzara  e il gruppo di “Acquario della Memoria”, l’associazione impegnata nel coltivare la memoria della cosiddetta “microstoria”, sedimentata nella vita quotidiana e nelle tradizioni orali dei territori, in chiave moderna e coinvolgente anche attraverso l’ausilio delle tecnologie audiovisive. Alcuni dei migliori talenti artistici pisani impegnati nella divulgazione di un episodio che, nella sua tragicità, è e rimarrà centrale nella storia contemporanea della nostra città, di cui però si rischia di perdere le tracce dato con il passare del tempo anche le testimonianze dirette, ad oggi ancora numerose, sono inevitabilmente destinate a ridursi – ha concluso Danti: è uno di qui connubi che ci piacerebbe, in futuro rafforzare ulteriormente».

___________________________________

Più di duecento persone sabato sera hanno affollato il CinemaTeatroLux per assistere alla videoinstallazione di Lorenzo Garzella e Domenica Zazzara: 6 schermi sui cui per 30 minutivengono proiettate testimonianze, filmati, ricordi, che fanno rivivere agli spettatori i tragici eventi del primo bombardamento su Pisa, il 31 agosto del 1943. Il video è stato proiettato ben quattro volte. Data l'alta affluenza e le richieste, lunedì 2 settembre, sempre al Lux in piazza Santa Caterina, la serata sarà replicata

Tra i tanti spettatori, insieme agli assessori Marilù Chiofalo e Dario Danti, il sindaco Marco Filippeschi: «Quest'opera è un modo forte, avvincente e convincente di ricordare il bombardamento. Portiamo quest'opera ai giovani per avvicinarli alla storia della città». Il regista, il pisano Lorenzo Garzella, ha inoltre invitato chiunque avesse foto, filmati o altri documenti di portarli: «raccogliamo materiale per continuare il nostro progetto. Cerchiamo di fare cortocircuito tra giovani ed anziani per trasmettere la memoria».

Pisa 1 settembre 2013 - Il comunicato dell'Amministrazione Comunale - “Bombe 1943”, a grande richiesta, concede il bis. Non sono bastati, infatti, quattro cicli di proiezioni per accontentare le centinaia di persone che ieri sera si sono presentate al Cinemateatro Lux per  la
videoinstallazione di Garzella e Zazzara dedicata al tragico bombardamento su Pisa del 31 agosto 1943: circa duecento, infatti, gli spettatori che hanno assistito alla proiezione, distribuiti su quattro diversi turni dato che la saletta del Lux può accogliere al massimo una cinquantina di
persone, fra i quali anche l'Assessore alla Cultura Danti, quello alla Memoria Chiofalo e il Sindaco Marco Filippeschi, decisamente colpito dall'opera realizzata dai due giovani artisti pisani, «un modo forte, avvincente e convincente di ricordare il bombardamento di 70 anni fa – ha detto  alla fine-: portiamola ai giovani per fargli conoscere una pagina fondamentale, nella sua drammaticità, della storia contemporanea cittadina». Tantissime, però, le persone che ieri non sono riusciti ad assistere alla videoinstallazione, nonostante le proiezioni siano andate avanti 
ininterrottamente fino a mezzanotte. Da qui, quindi, la decisione dei due autori, Comune di Pisa e Cinemateatro Lux:  domani sera, a partire dalle 21, nuovo ciclo di proiezioni per dare modo di guardare la videoinstallazione anche ai tantissimi che ieri non ci sono riusciti. L'opera dura mezzora e sarà proiettata a ciclo continuo fino a che ci aranno persone interessate.


Commenti