blog  
 
 
Capitale della cultura: ci siamo!
19/09/2013 | 22:37 | Stampa

Pisa 2019: consegnata la candidatura a Roma. Attivo il sito web

Da oggi, giovedì 19 settembre, Pisa è ufficialmente candidata come capitale europea della cultura. Lo rende noto l'assessore Danti su Facebook: «Consegnato! Stamattina le 80 pagine del dossier per Pisa Capitale Europea della Cultura 2019 sono state depositate al Ministero dei Beni Culturali. Pisa c'è. Comunque vada sarà un successo. Cultura è partecipazione!»

Attivo il sito www.pisa2019.it con il dossier di Pisa candidata (il link) e che raccoglie eventi, storie, approfondimenti sulla città nei suoi aspetti culturali.

L'assessore Danti sarà venerdì a Matera al festival di Radio 3, intervendo intorno alle 16 nella trasmissione "Fahrenheit" per raccontare la realtà di Pisa, città laboratorio culturale

Commenti
24/09/2013 | 14:29
Giuseppe Marcocci ha scritto:
Caro Dario, ti faccio i miei auguri per questo impegno non facile. Credo pero' che a maggior ragione, come ho scritto anche sul blog di Luca Daddi, sia ora giunto il momento di una tua visita di solidarietà all'ex Colorificio, che in queste ore vive un assurdo stato di attesa e sospensione che mi auguro possa risolversi positivamente. Infatti, è notizia di oggi che l'ex Colorificio Liberato è stato invitato dal Consiglio d'Europa a partecipare alla conferenza "Responding Together" (Bruxelles, 4-6 novembre 2013) per moderare un workshop sulla gestione condivisa delle risorse. So quanto sei vicino all'esperienza dell'ex Colorificio, anche per la tua storia personale. Ti chiedo perciò di prodigarti nuovamente, come so che già hai fatto, affinché il sindaco rompa un blocco psicologico che ha davvero poco senso e esprima con una visita il suo sostegno a un'esperienza così importante portata avanti con coraggio e civismo nella nostra città. Se lo ha già fatto l'allenatore del Pisa, Dino Pagliari, e se addirittura l'Unione Europea riconosce il valore dell'ex Colorificio, credo proprio che il sindaco non abbia nulla da temere. Ciao Beppe