blog  
 
 
Pisa è Contemporanea
01/10/2013 | 12:50 | Stampa

Da Haring a Warhol, viaggio al centro dell'arte in cinque tappe

«Ad ottobre Pisa offrirà a cittadini e turisti un itinerario di arte contemporanea come non se ne sono visti». Così l'assessore alla Cultura Dario Danti presenta quello che potremmo definire un vero e proprio "cartellone" di eventi dedicato ai mille volti dell'arte contemporanea.

Prima tappa il murale di Haring, una delle poche opere contemporanee vincolate dalla Soprintendenza, unica opera italiana visibile dell'artista statunitense. Seconda (coloratissima) tappa nello spazio espositivo Sopra Le Logge, "invaso" dagli omini buffi e misteriosi di Aleandro Roncarà, protagonisti di #instapop. Navigando sul Mondorondo. Organizzata da Civico 29 Lab, la mostra resterà aperta fino al 27 ottobre (ingresso gratuito).

Terza tappa a Palazzo Blu, dove dal 12 ottobre al 2 febbraio sarà protagonista Andy Warhol. Con la mostra Warhol. L'immagine e il mito si inaugurerà un nuovo ciclo espositivo dedicato ad artisti che hanno rappresentato una novità rivoluzionaria al di fuori dell'Europa. Medievale e contemporaneo si incontrano/scontrano nella quarta tappa, Sherazade, mostra di Giovanni Frangi all'interno del Museo Nazionale di San Matteo

Quinta ed ultima tappa al Centro Espositivo San Michele degli Scalzi, dove l'installazione luminosa "La luce che resta", che avvolgerà il campanile di San Michele, sarà solo un primo assaggio di ciò che sarà Atopie del luogo, mostra dell'artista pisano Andrea Santarlasci (ingresso gratuito).

«Abbiamo pensato ad un percorso di alta qualità che partisse dal murale di Haring e arrivasse all'Sms - spiega Dario Danti - da percorrere tutto d'un fiato o poco per volta, facendo però in modo di differenziare gli orari di apertura e chiusura». Per mostrare nel migliore dei modi il volto contemporaneo della città

Commenti