blog  
 
 
L'illogica allegria: 28 biglietti per i ragazzi di due comunità
15/10/2013 | 15:05 | Stampa

Il 23 ottobre al Verdi lo spettacolo in favore del teatro in carcere

"Casa del Vento" e “Carlo Del Prete” sono comunità residenziali-educative a dimensione familiare per la tutela dei diritti dei minori. Esperienze come "L'illogica allegria" permettono ai  ragazzi diallargare i loro orizzonti, formarsi e conoscere nuove realtà del tessuto sociale nel quale vivono e vivranno.

Leggi anche:
L'illogica allegria - Il 23 ottobre al Verdi spettacolo per sostenere il teatro del carcere di Pisa

 

Pisa, 15 ottobre 2013 - Il comunicato dell'amministrazione comunale - Verso "L'illogica allegria": l’assessore Dario Danti acquista 28 biglietti e li distribuisce ai ragazzi delle comunità “Casa del vento” e “Carlo del Prete” "Casa del Vento" e “Carlo Del Prete” sono comunità residenziali-educative a dimensione familiare per la tutela dei diritti dei minori stranieri e non.

"Casa del Vento" è una comunità residenziale educativa a dimensione familiare per la tutela dei diritti dei minori stranieri e non, attiva fin dal 2000 in un ex-cascinale posto in zona Montacchiello, a Pisa. La comunità è gestit adalla Cooperativa sociale "Il Simbolo", sempre di Pisa, che al suo interno ha altre due strutture residenziali; una ulteriore per minori in stato di abbandono o momentaneamente privi di garanzie educative e una destinata a ragazze madri o nuclei madre/bambino. Casa del Vento può ospitare al massimo dieci utenti più due in pronta accoglienza. Gli utenti tipici sono dei minori stranieri giunti in Italia come migranti alla ricerca di nuove opportunità. Vi è spesso la presenza di minori provenienti da un percorso penale, sia in messa alla prova che in custodia preventiva alternativa al carcere, più di rado, ma in misuracomunque consistente, la comunità ospita anche minori italiani le cui famiglie non sono momentaneamente in grado di provvedere a loro.

L'impegno di Casa del Vento consiste nell'accogliere tali minori spesso provenienti da situazioni di miseria e talora di guerra garantendo loro un contesto materiale e affettivo sereno nel quale poter vivere. Altro grande obiettivo è quello di accompagnarli gradualmente verso l'autonomia, ovvero verso l'integrazione relazionale, lavorativa e abitativa nella nostra società. Per questo molto peso viene dato a tutte le attività di istruzione e di formazione professionale ma anche al fornire un contesto educativo e valoriale solido in modo da non essere semplicemente un ente "erogatore di servizi" ma un riferimento per ragazzi che attraversano un'età, quella adolescenziale, altamente problematica.

E un peso ancora maggiore viene dato a tutte quelle esperienze, come nel caso de "L'illogica allegria", che permettono ai  minori ospitati a Casa del Vento di allargare i loro orizzonti, formarsi e conoscere nuove realtà del tessuto sociale nel quale vivono e vivranno con sempre maggior protagonismo nei prossimi anni.

Commenti