blog  
 
 
Teatro Verdi: presentata la stagione di prosa
05/11/2013 | 17:08 | Stampa

Abbonati in aumento. Primo appuntamento sabato 9 novembre: Pinocchio con Paolo Cioni

Presentata la stagione di prosa 2013-2014 del Teatro Verdi: alta qualità e innovazione nella programmazione: 552 abbonamenti, inaumento dell'1,3% rispetto allo scorso anno. Interpreti e drammaturghi di altissimo livello e argomenti attuali trattati senza pesantezza: si comincia con Pinocchiosabato 9 novembre, diretto daUgo Chiti con Paolo Cioni come protagonista. La rassegna completa

Dopo il boom della lirica, la stagione di prosa promette bene e presenta un teatro in controtendenza rispetto al trend nazionale. L'aumento degli abbonati è minimo, ma rilevante per un ente, come il Teatro, che ha sempre più necessità di finanziamenti.

E' il Presidente del Teatro Verdi, Giuseppe Toscano a fare appello alla bontà dei cittadini, affinché si abbonino in misura sempre maggiore, ed agli sponsor privati, affinché possano finanziare il Teatro per tre anni, con l'obiettivo di dare il via ad un piano triennale non-malato: «Nonostante gli sforzi del Comune di Pisa, che ha incrementato i finanziamenti, e della Fondazione Pisa, il piano triennale nascerà già malato, ovvero non in grado di mantenere il teatro sano. A seguito della perdita definitiva dei finanziamenti della Provincia di Pisa, e dei tagli che il Ministero ha operato (40.000 euro in meno sulla lirica lo scorso anno), ci siamo visti costretti a tagliare le fonti di spesa e, a malincuore, anche le attività. Il piano d'impresa per cui lavoriamo e che faccia essere isano uil teatro corrisponde alla cifra di 1.980.000 euro moltiplicato per tre anni. mentre oggi siamo a 1.930.000 euro, quindi mancano 50.000 euro per tre anni. Mi piace sottolineare che, nonostante la crisi, il Teatro Verdi continui a mantenere inalterato il prezzo dei biglietti da tre anni, offrendo uno sconto del 50% agli studenti e agli under 26».

Si comincia con Pinocchio, spettacolo diretto da Ugo Chiti e che vede protagonista Paolo Cioni, giovane che si è formato nel laboratori pomeridiani di Fare Teatro e che poi ha proseguito diventando un attore di professione.

A seguire sette titoli di grande qualità: dal Don Giovanni trasgressivo di Filippo Timi, al classico LaTempesta di William Shakespeare, fino a Servo per due con Pierfrancesco Favino, ed ai fratelliServillo, che porteranno in scena Le voci di dentro, spettacolo tra i più richiesti in Italia che farà tappa, dopo la tournée francese, in città e ad Imperia.

L'assessore alla cultura, Dario Danti, nel confermare l'impegno dell'amministrazione a sostenere le iniziative del Verdi, ha dichiarato: «Il Teatro Verdi è un  teatro di tradizione e la stagione di prosa che è stata presentata è decisamente interessante ed innovativa, con nomi che vanno oltre i confini nazionali (Timi, Favino, Servillo...). Aprire la stagione con talentuosi artisti che si sono formati in città è segno della vitalità di Pisa e della sua arte, il frutto di un fermento culturale in continua espansione. Dobbiamo trovare gli strumenti economici per confermare, se non aumentare, l'impegno a sostegno del Teatro: scuola, politiche sociali e politiche culturali sono i tre pilastri che devono stare a cuore all'amministrazione comunale».

Francesca Paolini

Allegati

Commenti