blog  
 
 
Studenti pisani alla scoperta della Pisa Etrusca e Romana
22/01/2014 | 23:37 | Stampa

Il Presidente della Repubblica ha giudicato Pisa città di eccellenza per l’“adozione dei monumenti”

Le scuole potranno scegliere tra il Tumulo Etrusco, le Terme Romane, l'arte Funeraria Etrusca, i marmi dell'Acropoli di Atene e il Museo Nazionale di Palazzo Reale. «Un progetto - ha dichiarato l’assessore Danti - a cui il Comune aderisce da oltre 10 anni che permetterà agli studenti di  acquisire la consapevolezza del posto in cui vivono, diventandone soggetti attivi». Importante la collaborazione  con la  Soprintendenza  BAPSAE, con l’  Archeoclub  d’Italia  di Pisa, con il Gruppo Archeologico Pisano ( GAP )  e con esperti del settore che collaboreranno gratuitatamente. Le adesioni entro il 14 febbraio

Pisa, 22 gennaio 2014 - Il comunicato dell'Amministrazione Comunela - L’Amministrazione Comunale di Pisa, attraverso l’Assessorato alla Cultura, aderisce da oltre un decennio al progetto  “La scuola adotta un monumento”, promosso dalla Fondazione Napolinovantanove. Quest’anno l’ Assessore alla Cultura Dario Danti, oltre alle “adozioni“, vuol proporre ai docenti ed ai ragazzi  un  itinerario culturale per  “Riscoprire insieme la Pisa Etrusca, Romana e le sue collezioni archeologiche”.

Verranno quindi proposti alle scuole dei percorsi culturali sul Tumulo Etrusco, sulle Terme Romane, sui riflessi dell’arte funeraria etrusca in Città, sulla Gipsoteca (vedere progetto allegato). Tutto ciò sarà possibile grazie anche alla collaborazione con la  Soprintendenza  BAPSAE, con l’  Archeoclub  d’Italia sede di Pisa, con il Gruppo Archeologico Pisano (GAP)  e con esperti del settore. «La  fase della conoscenza fino alla fase della progettazione  previste dal progetto - ha dichiarato l’assessore Danti - permetterà agli studenti di  acquisire la consapevolezza dell’ambiente in cui vivono, diventandone soggetti attivi». Migliaia di ragazzi del territorio pisano hanno avuto, nelle varie edizioni del progetto, la possibilità di avvicinarsi allo studio storico – artistico dei beni culturali promuovendo un’azione di salvaguardia e di recupero del patrimonio architettonico cittadino, come, ad esempio,la Porta Buozza (dentro l’Ospedale di Santa Chiara), il tratto dell’Acquedotto Mediceo in Don Bosco, il tratto delle Mura davanti al Liceo Scientifico “ U. Dini” in Via Benedetto Croce , il monumento ai Caduti della II guerra Mondiale in Barbaricina,  considerando “monumento“  ogni parte della città che potesse offrire occasioni di conoscenza e che richiedesse attenzione e cura.

Se questo è già un risultato importante, ancora più significativo è lo sviluppo di un’interazione continua tra i giovani e la città come momento formativo essenziale, in cui la città “ insegna “ e nello stesso tempo “ apprende “ nuovi stimoli e nuove riflessioni per migliorare il suo contesto. Questo è uno degli obiettivi fondamentali del progetto “La scuola adotta un monumento“ insieme alla sensibilizzazione delle giovani generazioni al rispetto e alla tutela dell’ambiente e per questo il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha giudicato Pisa città di “ eccellenza“ per l’”adozione dei monumenti“. Per aderire al progetto, andrà compilata l’apposita scheda che dovrà pervenire entro il 14 febbraio p.v. all’Ufficio Cultura del Comune di Pisa – all’attenzione di  Francesca Amore - f.amore@comune.pisa.it 
 

Allegati

Commenti
12/09/2014 | 04:28
Horaides ha scritto:
Reunif3n del Club de Lectura mpara el libro de Julio Llamazares, La lluvia amlriala, el deda 3 de marzo a las 6 y media de la tarde en la Casa de la Cultura. Espero vuestra asistencia, queridos amantes de las letras impresas.Puntfaa este comentario 0 0 http://ivfhwclkx.com [url=http://qzpzxgxsn.com]qzpzxgxsn[/url] [link=http://tqpveptey.com]tqpveptey[/link]

10/09/2014 | 07:14
Yantie ha scritto:
Prf3ximos tedtulos ha leer en el club de lectura:- Firmin, del autor Sam Savage.- Rebelif3n en la Granja, de G. Orwell.- La Sonrisa Etrusca, de J. L. Sampedro.- La luvila amarilla, de Julio Llamazares.- La casa de los Espedritus, de Isabel Allende.Puntfaa este comentario 5 0

09/09/2014 | 14:40
Noelia ha scritto:
Steve,Fascinating as always. Are you able to break out the American White and Asian seocrs by state? I'd be curious to see where high achieving states such as New Jersey, Massachusetts, New Hampshire , etc. stack against some other high performing European and Asian countries.Keep it up! http://ffpoiydna.com [url=http://jnjcrdjfdv.com]jnjcrdjfdv[/url] [link=http://wvgsthl.com]wvgsthl[/link]

09/09/2014 | 12:13
Sergey ha scritto:
There is another way benyod the direct effects of them scoring much lower on national average scores and being a sizeable percentage of the school age population, that the presence of a lot of NAMs in a Euro ancestry country depresses that country's g related test scores, like the PISA. Ed schools and government educational policy in the US has been obsessively focused or reducing the NAM/white gap, to the exclusion or great demotion in importance of other considerations, such as raising standards back higher than ever, challenging high and average students greatly, and generally promoting excellence.

07/09/2014 | 21:32
RadioVittoria ha scritto:
"A good question might be why soeuhtrn and eastern Europeans have done alright here, but perform poorly at home."Because until recently, centripetal social forces forced all European immigrants into superior Anglo-Saxon norms, culture and tradition. At least after a couple of generations. European immigrants from countries with worse norms had their software improved by moving to America. Their hardware is as good or almost as good as northern Europeans. So people of south Italians origins in the United States have a protestant work ethic, believe in individual freedom and individual responsibility, and are fairly civic minded. In soeuhtrn Italy, they remain opportunistic slackers.