blog  
 
 
La cattedrale dei viaggiatori
15/06/2014 | 11:36 | Stampa

La mostra al Museo della Grafica di Palazzo Lanfranchi dal 15 giugno al 30 ottobre 2014

In occasione della ricorrenza del 950° anniversario della posa della prima pietra della Cattedrale di Pisa, il Museo della Grafica di Palazzo Lanfranchi organizza la mostra La Cattedrale dei viaggiatori, un’occasione per ripercorrere le memorie di immagini e parole dedicate nell’età moderna ad un monumento tra i più celebri e visitati al mondo. Pisa, Museo della Grafica. 15 giugno - 30 ottobre 2014

Nel corso del XVIII e XIX secolo, quando Pisa costituiva una tappa privilegiata e irrinunciabile del ‘Grand Tour’, l’emozionante impatto con la piazza del Duomo e il suo straordinario complesso monumentale viene infatti restituito dai racconti dei viaggiatori e tradotto visivamente dalle matite degli artisti con modalità e strategie narrative che documentano, in significativa corrispondenza, l’immutato fascino di una profonda suggestione estetica e spirituale.

Attraverso disegni, incisioni, libri, fotografie e modelli, la mostra La Cattedrale dei viaggiatori è concepita proprio come una tappa del viaggio che, dall’arrivo a Pisa, aveva il suo momento più alto nell’impatto con la piazza e con il Duomo, “una delle cattedrali più belle d’Europa”, la “montagna di marmo” che – riprendendo le parole dei viaggiatori – inaugurava la successione di capolavori monumentali come il Battistero, la Torre e il Camposanto.

Le immagini lasciate da disegnatori e incisori locali come Ferdinando Fambrini, Gaetano Ciuti, Angelo Cappiardi, Ranieri Grassi e Bartolomeo Polloni, ma anche da affermati artisti stranieri come George Moore, Ladislaus Rupp o Rohault de Fleury, accompagnano le parole con cui illustri viaggiatori (da Charles de Brosses a Niccolò Tommaseo, da Mark Twain a Henry James, da Denis Ivanovic Fonvizin a Jacob Burckhardt …) restituivano percezioni e riflessioni  su “un luogo incantato come la piazza dove sorge la Cattedrale”, monumento emblematico dell’immaginario collettivo. Un dialogo che viene amplificato con la scoperta della fotografia, quando la  Cattedrale viene immortalata dai pionieri della nuova arte, tra i quali emerge lo scultore e fotografo Enrico  di  Van Lint, che a Pisa ebbe  un rinomato ‘atélier-negozio’ dove venivano anche prodotti  raffinati modellini in alabastro degli edifici pisani, souvenirs assai ambiti dai viaggiatori.

Curata da Lucia Tongiorgi Tomasi e Alessandro Tosi, e resa possibile grazie ai generosi prestiti offerti da numerosi collezionisti pisani, la mostra La Cattedrale dei viaggiatori è realizzata dal Museo della Grafica, dal Comune di Pisa e dall’Università di Pisa, con la collaborazione degli Amici dei Musei e Monumenti Pisani e i patrocini dell’Opera della Primaziale, Regione Toscana, Provincia di Pisa, Soprintendenza di Pisa, Fondazione Cerratelli. 


Commenti
12/09/2014 | 04:24
Tunde ha scritto:
Miranda-Venezuela did not meet the PISA standard on sclohos response rate. No data were available to undertake a non-response bias analysis. Caution should be exercised when using Miranda-Venezuela data and when interpreting the reported analyses. I still am trying to find out what went wrong there.Still, that's better than the national government.Because the current Venezuelan government is not interested in accountability, the test could only be carried out in Miranda's public sclohos (i.e. those managed by Capriles' team) or private ones. That left a third of pupils unaccounted for: those ruled by Che1vez's government. You can guess what you would get from there.The anecdotal evidence I have got from different sources, not only in Miranda but in Carabobo, is that national public sclohos tend to have a lower level than region public sclohos (not to mention private sclohos).And yet, even this study showed particularly high variance in performance in Venezuela depending on socio economic and cultural background and also on school governance. http://eigwborwt.com [url=http://xlzuruc.com]xlzuruc[/url] [link=http://lsjzoou.com]lsjzoou[/link]

10/09/2014 | 07:08
Eleanor ha scritto:
Funny Anna! Same thing has been happening at our house this week! Monday- Henry puleld over the vase on the side table, Tuesday it was the lantern on the coffee table & wednesday the wine in the pantry! At least Max has great taste right!? I'm dreaming of a big coloured resin bowl as a stand-in. Good luck. . . Or get some new superglue! LovT

09/09/2014 | 12:07
Marcela ha scritto:
What a charming and weel-managed guest-house! Many thakns to everyone at Ca' Amadi for making our visit comfortable and pleasant.Marta, George and Alexandra from California August 2012

07/09/2014 | 21:46
Madura ha scritto:
Dear valentina,thank you for a wdnuerfol, but too short, stay in your beautiful Ca' Amadi in gorgeous Venice. We must come back and visit again, for longer next time.Lisa, Sarah and Julia Chung from Texas August 1st, 2012