blog  
 
 
Domenica in musica
15/09/2014 | 14:10 | Stampa

Prima edizione con lezioni-concerto. Da ottobre ad aprile, tra Palazzo Blu e il Bastione Sangallo, sei appuntamenti per comprendere la “musica descrittiva”

Dopo il Festival Toscano di Musica Antica Anima Mundi, ecco a Pisa un'altra occasione per incontrare la musica: dal 5 ottobre al 19 aprile 2015, a Palazzo Blu e nei saloni del Bastione Sangallo, sei lezioni-concerto. L'iniziativa è organizzata dalla Fondazione Area, con il patrocinio ed il contributo del Comune di Pisa e il Sostegno della Fondazione Pisa e della Fondazione Palazzo Blu.

«Un percorso ampio e coerente alla scoperta della "musica descrittiva", un tema che ci permette di viaggiare nei secoli, dal '500 ai primi del '900, e negli stili» spiega il Prof. Francesco Giuntini, che con il Prof. Marco Grondona si occuperà di mettere l'ascoltatore nelle condizioni di comprendere i brani che saranno eseguiti. Un'iniziativa che «colma il vuoto lasciato dalle lezioni-concerto del pianista Maurizio Baglini, che per due anni hanno animato le matinée di Palazzo Reale», come ha ricordato il sindaco Filippeschi, e che è resa possibile anche grazie al contributo del "bando per le associazioni" dell'assessorato alla cultura.

L'ingresso è su invito gratuito; per ritirarlo basta recarsi dal martedì al giovedì antecedenti la domenica dell'incontro presso la portineria di Palazzo Blu.

La prima "Domenica in musica" sarà il 5 ottobre, alle 11 a Palazzo Blu, con Francesca Mascolo (al clavicembalo) e Linda Severi (agli strumenti a fiato): «inizieremo il viaggio con la musica che "imita" i suoni della natura e dell'uomo - spiega Giuntini - ma, man mano che andremo avanti, vedremo come il rapporto tra la musica e la realtà si farà sempre più complicato, fino ad arrivare ai Romantici che faranno ricorso a realtà esterne sempre più sfumate, psichiche e caratteriali».

La rassegna sarà anche l'occasione per ascoltare composizioni "rare", come la trascrizione di Listz del Konzertstück di von Weber. Il programma

Graziana Maggi

Commenti